Atlante della Memoria

Alta Valle del Tevere 1943-1944

Mappa interattiva

Memorie della guerra

Goodwin Albert. Ricordi di un militare britannico: i soldati indiani

A liberare la nostra terra da fascismo, che da qualche anno scimmiottava il nazismo sulla presunta superiorità razziale dei bianchi ariani, paradossalmente furono anche dei soldati di colore. Indiani dalla pelle nera e bianchi anglosassoni componevano infatti le truppe britanniche che risalirono l’Alta Valle del Tevere, cacciando i tedeschi dopo aspri combattimenti. E pure gli indiani pagarono un elevato prezzo di sangue. Di loro mi...

Goodwin Albert. Ricordi di un militare britannico: la guerra nell’Alta Valle del Tevere

È un militare di Sua Maestà britannica a raccontarci episodi e impressioni del passaggio del fronte bellico nell'Alta Valle del Tevere. Ci si conosce da tempo. Proprio dieci anni fa pubblicammo in questo giornale una sua intervista. Si chiama Albert Goodwin e ha la veneranda età di 95 anni: “Sono nato – dice di sé - in un nevoso 7 gennaio 1920 nel paese di Great Paxton, a tre miglia da St Neots, nella contea...

Lombardi Armando. Ricordi di fascismo e di prigionia

Una medaglia d’argento al valor militare meritata a El Alamein nel 1942, oltre a tre medaglie di bronzo e tre croci di ferro al merito di guerra, fanno del prof. Armando Lombardi il combattente tifernate più decorato dell’ultimo conflitto mondiale. Subì poi il trauma della cattura e della lunga prigionia. La sua vicenda apre uno squarcio di particolare interesse sulla storia della sua generazione. Il padre di Armando Lombardi...

Giornelli Antonia e Fiorucci Luigi. Testimonianze sul bombardamento di San Secondo

Il 14 maggio 1944una formazione di 16 velivoli P. 47D del 57° Fighter Group bombardò il tratto di ferrovia da Città di Castello a Trestina. Rimasero coinvolti anche gli adiacenti centri abitati. Alle ore 10.45, a Sansecondo, una bomba centrò un'abitazione. Si contarono 16 vittime e diversi feriti.    Giornelli Fiorucci Antonia   Avevo 20 anni. Mi trovavo in casa. In cantina, tramutavo il vino. La porta...

Mine e bambini, ieri come oggi

Le notizie – e le immagini – che ci giungono dalle aree del mondo sconvolte da guerre ci ricordano che i conflitti non risparmiano bambini e fanciulli. Anzi, ne sottolineano una vulnerabilità alla quale non sembra esserci rimedio, sia che la minaccia provenga da bombardamenti aerei, da cannoneggiamenti e mitragliamenti o da mine e ordigni bellici vigliaccamente disseminati anche dove si rifugia la popolazione civile in fuga dai...

Piccotti Rodolfo. Ritirata dalla Russia: freddo, fame e morte in faccia

Rodolfo Piccotti è venuto al mondo il 23 gennaio 1917. Ben 101 anni fa. Del 1917 si è molto parlato per gli avvenimenti che lo sconvolsero. Rodolfo aveva 3 mesi di vita quando il terremoto distrusse Citerna e Monterchi, 9 mesi all’epoca di Caporetto, qualche giorno in più quando morì Leopoldo Franchetti. Avrebbe tante cose da raccontare quest’uomo, che nacque in una famiglia di muratori, fu egli stesso muratore...

Tascini Ferdinando. Di sentinella a un illustre prigioniero: Benito Mussolini

Ferdinando Tascini, originario del territorio di Todi, figlio di un mezzadro, si è trasferito a Città di Castello dal 1953, dove ha esercitato in un primo momento l’attività di fattore, per poi dedicarsi con successo all’imprenditoria agricola. Tascini inizia la sua ricostruzione dei fatti dal 1942, quando andò in guerra in Montenegro.   Cosa le è pesato di più in quel periodo passato...

Da Valdimonte oltre la Linea Gotica: storie di deportazione

“Innalzata a ricordo della croce elevata nel ’45 sulla sommità della metola da coloro che, strappati dai tedeschi alle loro case, tornarono sani e salvi ai loro affetti”. Così recita l’epigrafe presso la grande croce posta nel 2012 su un colle a est di Valdimonte. Quella precedente era stata innalzata, in religioso ringraziamento, dai sopravvissuti alla deportazione da parte dei tedeschi. Li avevano evacuati a...